#TravelAboutIt – Viet Nam

We About It

Alla scoperta dell’Asia, per la prima volta in assoluto. Nulla da dire, l’unica cosa è che non vedo l’ora di tornarci.

Si parte con le solite elucubrazioni mentali a marzo/aprile, quando la mente inizia a pensare ai mesi caldi e ad agosto: le meritate quanto desiderate ferie estive. Negli ultimi anni ho sempre fatto vacanze “rilassate” turistiche certamente, ma urbane, mai avevo pensato e sperimentato di concedermi un viaggio più avventuroso e agreste.

Decidiamo per il Viet Nam. Meta non così popolare e forse non ancora mainstream per i molti italiani avventurosi e amanti dei viaggi intercontinentali (come il sottoscritto).

Questo il nostro itinerario.

Viaggio rigorosamente con Emirates (upgrade in Business Class incluso).

Due notti a Ho Chi Minh City.

Tour diurno sul delta del Mekong e pernottamento a Can Tho. Visita al famoso floating market.

Volo per la Cambogia e visita ai templi Khmer.

Volo per Ha Noi e…

View original post 327 more words

Advertisements

#TravelAboutIt – La mole sotto la Mole

We About It

Sono in ritardo, lo ammetto. Questo post era in canna da tempo, ma proprio il tempo mi ha fregato e non sono stato in grado di portarlo dalla “scrivania” della mente alla “scrivania” di WordPress.

Ogni tanto mi concedo una giornata fuori porta, spesso di domenica, per brevi gite a trovare amici nel nord Italia, facilmente raggiungibili con Italo. Sono uno che ama tenere buoni i rapporti e non mi secca affatto l’alzataccia per raggiungere amici e passare del prezioso tempo con loro, anche se breve.

Questa volta sono felicemente “atterrato” a Torino, non che non ci fossi già stato in passato sia per lavoro che per piacere, ma ogni volta che ci torno vivo una nuova esperienza “regale”. La città è infatti avvolta da uno spesso manto di fascino nobile che strega anche i più…

View original post 172 more words

Addio Navigli

We About It

Ci ho messo molto a scrivere questo post, lo ammetto. Ci ho pensato, ripensato e ripensato ancora. In fondo non è cosa semplice fare un addio (anche se ammetto nel mio caso non è proprio un addio), ma poi riflettendoci mi sono detto anche il vecchio Manzoni quando scrisse il celebre ed arcinoto Addio Monti penso ci mise parecchio nell’elaborare il testo. Chiaro che io non sono bravo come l’Alex nazionale (no, non quello dello spot dell’uccellino), ma questo post coincide con un cambio non epocale, ma quasi. Sto parlando di me medesimo stesso, ovviamente.

Pic by Sabrina Salvo http://www.pinterest.com/pin/3448137185095301/ Pic by Sabrina Salvo http://www.pinterest.com/pin/3448137185095301/

Dopo otto anni di residenza “vista mare” lascio un pezzettino di Milano che a me sarà sempre caro.

Pic by Elena Fiore http://www.pinterest.com/pin/68891069272467053/ Pic by Elena Fiore http://www.pinterest.com/pin/68891069272467053/

Qui la prima casa in solitaria, qui la prima uscita con gli amici, qui il pranzo delle mie lauree, qui innumerevoli uscite, innumerevoli incontri, innumerevoli momenti di…

View original post 84 more words

Il momento che ricorderemo per sempre

We About It

Il momento arrivò, dopo mesi e mesi di pianificazione certosina e meticolosa preparazione il viaggio per celebrare la nostra amica e il suo prossimo matrimonio.

Tre splendidi giorni scanditi dalla nostra amicizia, tre giorni di viaggio, il nostro primo viaggio (tutti) assieme, un viaggio che ricorderemo sempre.

Amici come la prima volta. Amici come quando si pranzava assieme in università, come quando si ascoltava le prime e le ultime lezioni, come quando si ripassava in biblioteca “rumorosa”, come quando si copiava agli esami…e le serate universitarie?

“I migliori anni della nostra vita” proprio così.

Poi il tempo è cambiato, ci si è laureati, ma le vere amicizie rimangono, salde e solide. I primi stage, i primi impieghi e noi sempre amici. Una decide di sposarsi e come scusa perché non viaggiare? Tre giorni, che giorni. Indelebili.

Grazie a tutti amici, siete favolosi. Ci vediamo al #CherryWedding.

View original post

#TravelAboutIt – Chicago

We About It

Tre giorni in America? Perché no, non vedo quale sia il problema.

Chiamatela pazzia o voglia di viaggiare a tutti i costi e … non appena si ha la possibilità … si viaggia.

Organizzo in men che non si dica la spedizione americana a cavallo del ponte dell’Immacolata e approfitto per andare a trovare Melanie, amica da circa 5 anni con la quale periodicamente mi ritrovo ogni 5-6 mesi.

Trovo un volo che mi permette di sfruttare al meglio il ponte senza perdere troppe ore di permesso al lavoro, oltre alle ferie.

Chicago mi accoglie con un clima sorprendentemente mite per il periodo, di giorno la temperatura toccava i 4-5 gradi, mentre di sera il termometro rimaneva poco al di sopra dello zero termico. La città, non a caso, la chiamano “ventosa” per via della forte e gelida brezza del lago Michigan che letteralmente “sposta” e taglia il volto di…

View original post 441 more words

Il Grande Gatsby

reparto costumi

“Che cosa facciamo dopo pranzo?” Esclamò Daisy. “E che cosa facciamo domani? E nei prossimi trent’anni?”. Carey Mulligan interpreta il personaggio di Daisy in modo struggente e fa giustizia a quello che forse è il più grande romanzo della letteratura americana. Quando parla di sua figlia, dicendo “spero che sarà stupida: è la miglior cosa che una donna possa essere in questo mondo, una bella piccola stupida”, si capisce la sua profonda depressione: Daisy non è stupida, è stata educata dalla nascita per essere una cosa sola, un’affascinante e vivace moglie-oggetto, e lei ha raggiunto quell’obiettivo intorno ai 17-18 anni, da lì in poi è tutta una discesa.  E ancora, con Nick, quando gli dice, ho visto di tutto, ho fatto di tutto, ed è tutto terribile.

gatsby-carey-mulligan

Ci vorrebbero almeno dieci visioni attente del film per analizzare bene i costumi, perchè sono così. tanti. E la quantità di articoli…

View original post 2,282 more words

#TIDALforALL il servizio di music streaming delle Star

We About It

Un lancio da colossal per un nuovo servizio di music streaming che farà concorrenza a Spotify, Deezer e Google Play. Musica e video musicali di alta qualità mixati a interviste e contenuti speciali legati agli artisti. Una library di 25 milioni di brani e oltre 75.000 clip destinati a crescere. L’unica differenza con i competitor? Non c’è una versione “Free” e una “premium”, ma 2 tipologie di abbonamento mensile: una da 9,99$ e una da 19,9$. Tidal è il primo servizio in Italia che consente a tutti di ascoltare musica in qualità CD (Lossless FLAC a 1141 kbps).

La vera novità però, è che la proprietà della piattaforma è condivisa tra alcuni dei nomi più famosi della musica internazionale tra i quali Madonna, Alicia Keys, Jay Z, Beyoncè, Planet Funk, Chris Martin, Nicki Minaj, Rihanna, Jack White, Kanye West, Usher, Calvin Harris.  Alla presentazione di Tidal, Alicia Keys ha detto: “Siamo tutti qui…

View original post 196 more words